Migliore Assicurazione Vita 2017

La valutazione della migliore assicurazione vita

Quale polizza vita scegliere nel 2017? Quali sono le compagnie assicurative con i rendimenti più preformanti del mercato? Come si fa a sottoscrivere il contratto più conveniente? Sono queste le domande dei consumatori interessati a costruire basi solide per il futuro, contraendo una polizza valida e sicura.

Quest’anno, a detta degli esperti e delle loro previsioni, seguirà l’andamento dei dodici mesi precedenti registrando una crescita in riferimenti ai premi raccolti.

La Legge Finanziaria ha innalzato la tassazione sui guadagni derivanti dalle polizze assicurative del ramo vita raggiungendo il 26%, ma ciò non ha fermato la tendenza positiva e le aspettative sono comunque elevate. Farad International, broker molto noto nel settore assicurativo, sostiene che i risparmiatori siano sempre più consapevoli circa gli strumenti a disposizione e il loro uso. Sono portati a fare una pianificazione patrimoniale efficace.

Questa maggiore competenza deriva dall’informazione e dall’interesse ad approfondire incentivato dal buon andamento del mercato assicurativo. I professionisti hanno monitorato ed esaminato il 2016 prendendo in considerazione differenti indicatori: il costo dei premi dopo 10 anni; il rendimento medio dopo i 5 anni; le spese per il riscatto; il rendimento garantito; l’impignorabilità.

Tra tutti i contratti verificati la migliore assicurazione vita 2017 è risultata essere Genertellife. A convincere gli analisti sono stati svariati fattori, primo fra tutti la possibilità di versare un capitale minimo pari a 5 mila euro scegliendo la durata del contratto per attivare la polizza. Sono state messe a confronto, sotto la lente di ingrandimento, tutte le assicurazioni vita disponibili sul mercato, sia online che offline, per trovare il contratto con le condizioni più favorevoli per i contraenti. Molte si sono distinte per alcuni specifici parametri, ma Genertel ha sbaragliato la concorrenza passando tutti gli esami a cui è stata sottoposta.

Investire con la migliore assicurazione vita 2017

Le polizze sulla vita hanno il compito di sostenere finanziariamente le persone. Si tratta di contratti calibrati sull’esigenza dei contraenti di investire i propri risparmi. Funzionano in modo similare a quello delle assicurazioni per l’automobile, a partire dal premio annuo richiesto.

Si può corrispondere su base mensile e si basa sul rischio dell’assicurato. A determinare le condizioni necessario per decidere l’importo concorrono lo stato di salute, le abitudini di vita e l’età. Contrarre un’assicurazione vita significa avere una copertura in caso di decesso, quindi si deve stabilire la presenza di malattie e lo stile di vita che possa comportare pericoli per la salute. Conta inoltre il reddito prodotto dall’assicurato.

Per comprendere il funzionamento basta pensare allo schema che si crea tra le parti. Il contraente paga il premio annuale, la compagnia assicuratrice incassa impegnandosi a corrispondere al beneficiario, una persona individuata dal firmatario, l’indennizzo. I casi per i quali l’assicurazione deve pagare sono decisi con il cliente e inseriti nel contratto.

Gli eventi contemplati dalle polizze assicurativa sono molti, ma ci sono tre categorie che ne raggruppano la maggior parte. I rimborso avvengono per morte, per vita o per casistiche miste.
Al sopraggiungere del decesso dell’assicurato la compagnia copre l’evento erogando una somma di denaro stabilita in fase contrattuale. Il beneficiario o i beneficiari indicati nella polizza ricevono i soldi. In questo caso l’intero capitale viene liquidato in un’unica tranche.

C’è tuttavia la possibilità di rateizzare i pagamenti come se si trattasse di una pensione integrativa. Questo tipo di polizze permettono ai contraenti di prevedere il sostegno economico di familiari e figli in caso di morte prematura.
I casi di vita sono pensati per corrispondere l’indennizzo, con le stesse modalità, ovvero in un’unica soluzione oppure a rate, direttamente al contraente. Avviene quando l’assicurato raggiunge una certa età definita all’interno del contratto. Se dovesse verificarsi la scomparsa prima del traguardo fissato dalla polizza, sulla base dell’accordo tra compagnia e cliente, non sono previsti pagamenti.
L’opzione mista è stata creata appositamente per far fronte a questi casi, mettendo a disposizione la pensione integrativa al raggiungimento di una determinata età oppure l’indennizzo ai beneficiari se l’assicurato dovesse morire.
Per la migliore assicurazione vita 2017 e per altri prodotti proposti da varie compagnie c’è un’ulteriore formula: la polizza Ltc. La caratteristica principale è la garanzia di avere il sostegno economico per la mancanza di autosufficienza.

La convenienza di stipulare la migliore assicurazione

Contrarre una polizza vita offre numerosi vantaggi, a partire dalla possibilità di assicurarsi un capitale per il futuro proprio o dei propri cari. In tempi di crisi se si ha l’opportunità di disporre di un capitale, anche piccolo, meglio investirlo per qualche anno ottenendo un rimborso ad una certa età, magari sotto forma di pensione integrativa. Si ha la sicurezza di avere maggiore solidità nel futuro.

Il piano d’investimento permette di tutelare la somma affidata alla compagnia per goderne un domani in cui non si lavori più e aiutare i figli a vivere con più sicurezza. Analizzando le caratteristiche della migliore assicurazione vita 2017 si può comprendere facilmente perché sia una buona decisione sottoscrivere il contratto.

Le caratteristiche della migliore assicurazione vita 2017

Genertellife propone una tutela completa. Il cliente decidi chi sono i beneficiari in caso di decesso prematuro. Deve avvenire prima dei 69 anni e 6 mesi, momento in cui si raggiunge il limite di età imposto.

La morte per infortunio viene liquidata con un capitale aggiuntivo pari al 10% del capitale rivalutato fino al giorno della scomparsa per un massimo di 50 mila euro. Se il tragico evento è causato da un incidente stradale i beneficiari possono contare sulla ricezione di un capitale aggiuntivo pari al 20% del capitale rivalutato al giorno della morte per un massimo di 100 mila euro.

La sicurezza del capitale è rappresentata dall’investimento nella Gestione Separata Glife Premium, autonoma rispetto alle attività patrimoniali dell’assicurazione, che prevede l’acquisto di titoli di Stato e obbligazioni per garantire il mantenimento della somma versata senza rischi di perdita.

Successivamente al decimo anno di rivalutazione del contratto il capitale è assicurato per una serie di avvenimenti familiari:
– acquisto della prima casa per il titolare della polizza o per i suoi figli;
– perdita dell’occupazione da parte del contraente da almeno 48 mesi consecutivi;
– operazioni chirurgiche del firmatario;
– decesso della persona assicurata.
Il capitale investito non può essere sottoposto a provvedimenti di pignoramento e sequestro. La sottoscrizione del contratto non prevede costi, così come non ci sono spese relative all’intermediazione e imposte di bollo, da corrispondere in occasione della liquidazione.

Il rendimento annuo dello scorso anni è stato del’1,85%. Si può riscattare il capitale in qualsiasi momento, in parte o completamente, a patto che siano trascorsi 12 mesi da ogni versamento. Questi sono solamente alcuni dei benefit della polizza vita proposta da Genertel.

Infatti ci sono altri elementi specifici che rendono le condizioni imbattibili, considerando le diverse tipologie di contratti:
– un check-up medico gratuito abbinato a uno sconto del 10% sul premio minimo previsto dal contratto. Per mantenere la riduzione economica bisogna ripetere la visita ogni due anni. Chi ha meno di 60 anni e investe 250 mila euro è esentato dalla visita per verificare la salute;
– si pagano 9 anni ogni 10 anni di copertura;
– in caso di decesso dell’assicurato i beneficiari possono chiedere di avere subito un anticipo del capitale per affrontare spese non programmate, con un tetto massimo di 10 mila euro;
– il capitale da versare e la durata massima possono essere scelte liberamente dal contraente, tenendo presenti i limiti massimi di 500 mila euro e 25 anni.

Contrarre la migliore assicurazione vita 2017

Per conoscere i dettagli in modo personalizzato basta richiedere un preventivo e lo si può fare direttamente online sul sito della compagnia di assicurazione.

É molto facile, basta inserire l’ammontare del capitale da investire, la durata e poi digitare alcuni dati personali, così da essere contattati da Genertel con un preventivo dettagliato. Si può incontrare il consulente così da visionare il ventaglio di proposte e lavorare a un contratto riferito alle proprie preferenze e necessità.

Molto spesso la difficoltà è rappresentata dalla considerazione delle polizze vita. Infatti si teme che possa essere una preoccupazione eccessiva, ma la tutela si presenta come una forma di responsabilità verso i familiari.

L’assicurazione contro il rischio di morte pur riferendosi a un evento creduto improbabile e lontano serve ad avere una garanzia nel caso possa verificarsi un fatto tragico per un incidente o una qualsiasi altra causa.

Lasciare ai figli o al coniuge una sicurezza economica o almeno un supporto finanziario aiuta ad affrontare la vita quotidiana con un po più di facilità vista la perdita.

Senza un piano preventivo mancherebbe la serenità necessaria per riuscire ad occuparsi delle incombenze quotidiane. Va considerato che il premio da corrispondere è più contenuto per i giovani, le donne e i non fumatori. Le statistiche indicano che il rischio di contrarre malattie gravi e di svilupparle è decisamente inferiore in questi soggetti.

All’interno del contratto si possono avere opzioni accessorie con l’aumento di capitale in caso di infortuni invalidanti o condizioni particolari relative al decesso.

I capitali inferiori a 200 mila euro da investire non richiedono particolari difficoltà procedurali e per la sottoscrizione dei contratti spesso basta la compilazione di un questionario sullo stato di salute. Con il consulente si può approfondire quali siano i requisiti per avere la visita medica o per essere esonerati. Genertellife ha conquistato la prima posizione come migliore assicurazione vita 2017 anche grazie all’assistenza e al supporto fornito dalla compagnia ai contraenti. La flessibilità delle polizze e la personalizzazione dei contratti con servizi dedicati influiscono. Seppure la valutazione si basi sui parametri prestabiliti, vanno considerati i rapporti con la compagnia.

La detraibilità

Lo Stato consente agli assicurati, pur tassandone le rendite, di detrarre parte dei premi versati per le polizze infortuni, morte e invalidità permanente, incluse le formule Lct. La Legge Finanziaria ha stabilito che per le rate versate lo scorso anni ci sono dei limiti, due per l’esattezza:
– i premi delle assicurazioni riferite ai rischi di morte e invalidità permanente di almeno il 5% possono essere detratti per un importo massimo di 530 euro;
– i premi relativi alle polizze per il rischio di non autosufficienza possono essere detratti dalle tasse per un importo massimo di 1.291,14 euro, al netto dei premi sulle assicurazioni per morte e invalidità.
Si applicano quindi entrambi, prima si fa il calcolo della detrazione dei 530 euro e poi si aggiunge il conto per la seconda tipologia di detrazione.

I contratti di Genertel, come quelli delle altre compagnie, possono quindi essere ulteriormente vantaggiosi. Basta presentare al commercialista o a chi si occupa della compilazione del Modello 730 i dati del contraente, il contratto e gli importi rilevanti ai fini fiscali.
La legge stabilisce che il rischio di morte valido per i contratti detraibili riguarda:
– le polizze che pagano esclusivamente in caso di decesso dell’intestatario;
– le assicurazioni che contemplano l’erogazione sia la morte sia la permanenza in vita, ma si detrae la parte di premio riferita al caso di decesso.

Per quanto riguarda il rischio di invalidità permanente di almeno il 5% vanno considerate le polizze inerenti:
– la malattia e gli infortuni, purché sia considerata l’invalidità. Si detrae la parte di premio riferita a quest’ultima evenienza;
– tutte le assicurazioni che coprono l’invalidità permanente ma non quella temporanea. In questa condizione non può essere detratta la parte di premio sull’invalidità temporanea.

I contratti inclusivi dei rischi legati alla non autosufficienza devono riferirsi a una o più attività specifiche:
– alimentazione;
– funzioni fisiologiche e di igiene personale;
– deambulazione;
– vestizione.

Le polizze stipulate dal 2016 hanno una percentuale detraibile. Il calcolo preciso per conoscere le cifre da detrarre è di semplice esecuzione. La percentuale ammessa alle detrazione è del 19% riferito ai limiti specificati.

Ciò significa che secondo il limite dei 530 euro si andrà a recuperare il 19%, pari a 100,70 euro. Per il secondo limite si arriva, eseguendo la stessa operazione, a 245,31 euro.

Vita, morte e integrazione con la migliore assicurazione vita 2017
Quando una persona all’interno della famiglia costituisce il principale sostegno economico provvede, pensando a ogni eventualità e al futuro a stipulare una polizza sulla morte. Rivolgendosi alla compagnia assicurativa firma un contratto che prevede il pagamento di una rata costante, senza cambiamenti nel tempo.

L’importo viene determinato sull’entità del capitale da assicurare e sugli indicatori statistici riferiti, come visto, sull’età, le condizioni fisiche passate e presenti, lo stile di vita e il sesso. L’assicurato ha comunque la possibilità di scegliere la tipologia di rata da pagare. Infatti esistono svariate modalità.
Le polizze vita caso morte temporanee funzionano esclusivamente sul rischio. Si paga un premio costante e in caso di decesso, seguendo i termini definiti all’interno del contratto, i beneficiari ottengono il capitale. Se non si verifica l’evento non vi è alcun tipo di rimborso dei premi versati e neppure si può rinnovare l’assicurazione per il variare delle condizioni dell’individuo, a partire dall’età.

Si può optare tra tre formule:
– le polizze vita a capitale e premio costanti che quindi consentono alle somme di rimanere immutate;
– polizze vita indicizzate con il calcolo della rivalutazione voluti dall’inflazione, secondo gli indici Istat;
– polizze vita a capitale decrescente serve a garantire il contraente per i mutui e i finanziamenti che richiede, in diminuzione nel tempo.
La polizza vita caso morte a vita intera prevede, invece, limiti di tempo o scadenze fissate. Il rimborso ai beneficiari viene garantito in qualsiasi momento si verifichi la scomparsa dell’assicurato.

Il premio può essere corrisposto in:
– un versamento unico;
– un versamento con un premio unico ricorrente;
– un versamento costante o che possa essere rivalutato.
Questo tipo si assicurazioni, tuttavia, hanno alcune esclusioni:
– gli eventi con dolo da parte del contraente o del beneficiario;
– il suicidio nei primi due anni di contratto;
– la partecipazione del cliente a delitti con dolo;
– il coinvolgimento dell’assicurato in operazioni di guerra;
– gli incidenti di volo se si è privi di brevetto o se si tratta di un volo non autorizzato oppure si è componenti dell’equipaggio;
– la guida di mezzi e natanti senza averne i requisiti;
– la pratica di attività sportiva non dichiarata all’assicurazione;
– eventi causati da armi nucleari.
La copertura si attiva sei mesi dopo la firma. Il periodo di carenza non prevede rimborsi della compagnia in caso si verifichino gli eventi per cui si è contratto la polizza.
Va ricordato che i diritti relativi ai contratti assicurativi cadono in prescrizione dopo due anni dalla data in cui si è verificato l’avvenimento su cui si fondano i diritti. L’eventuale estensione di garanzie prevede il pagamento di premi aggiuntivi da determinare in sede contrattuale.
Le polizze integrative riferite alla pensione si dividono in due categorie: fondi pensione chiusi e aperti. Il primo caso si riferisce a specifiche categorie di lavoratori per cui aziende e sindacati hanno siglato degli accordi d abbiano costituito un fondo in convenzione con la compagnia di assicurazione.

Ci vogliono statuti e regolamenti attuativi.

Tutti gli altri lavoratori, inclusi gli autonomi, possono adoperare i fondi aperti prevedendo i diversi casi come il decesso con il godimento dei capitali da parte dei beneficiari e la rendita vitalizia per l’assicurato oppure versata in maniera differita ai familiari o a persone indicate nel contratto come beneficiari, in questo caso si stabilisce il periodo. Avviene da un certo momento fino alla morte del contraente.

La migliore assicurazione vita 2017 consente di avere svariate possibilità per essere garantiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *